AGGIORNAMENTO

Consigli di lettura: edizione americana

Quali sono fra gli approcci più recenti dell’educazione museale? Cosa hanno in comune l’accessibilità e il design della comunicazione? Ma negli Stati Uniti non si fa solo edutainment?

I libri di oggi (letti, come sempre, fino all’ultima pagina) sono pubblicazioni americane recenti che parlano ovviamente di musei, comunità ma anche approcci multimodali e comunicazione: come a ricordare, insomma, che ci occupiamo di una materia articolata e meravigliosamente interdisciplinare. Anche negli U.S.A. Buona lettura!

> Essential Questions: Opening Doors to Student Understanding di Jay McTighe e Grant Wiggins
Saper porre le domande giuste (al museo, come nella vita) è una competenza chiave all’interno di ogni relazione. Al museo, in particolare, le domande poste ai visitatori offrono una cornice ai loro processi interpretativi. Ma come articolarle perchè sappiano davvero stimolare il pensiero e l’apprendimento? Un libro utile per capire cosa sono le “essential questions” e come utilizzarle.

The Multisensory Museum: Cross-Disciplinary Perspectives on Touch, Sound, Smell, Memory, and Space a cura di Nina Levent e Alvaro Pascual-Leone
Questo testo, forse più di molti altri, segna il passo di un approccio affrontato con consapevolezza da sempre più musei. Il libro, curato da autori significativi del mondo dell’accessibilità (Nina Levent) e delle neuroscienze (Alvaro Pascual Leone) raccoglie il contributo di moltissimi esperti nel raccontare la complessità interdisciplinare legata all’uso dei sensi e i suoi benefici.

Programming for People with Special Needs: A Guide for Museums and Historic Sites a cura dell’American Association for State and Local History
Un piccolo libro pubblicato pochi mesi fa che racconta delle numerose esperienze americane nell’ambito dell’accessibilità museale (con un focus tutto newyorkese). Il volume, dalle finalità di un manuale, ripercorre la storia di questo settore negli U.S.A., oltre ad offrire indicazioni e suggerimenti pratici.

Designing for Social Change: Strategies for Community Based Graphic Designer di Andrew Shea
Quanto la comunicazione visiva può avere un impatto nelle pratiche del terzo settore? Come veicolare una nuova percezione della pratica sociale attraverso scelte di tipo estetico? Un libro bellissimo, fatto di esempi e di immagini, che ci permette di ripensare all’accessibilità (seppure mai citata nel libro) associandola al fare creativo.

> A Museums and Community Toolkit a cura dell’American Alliance of Museum
Molti musei che hanno fatto propria la causa dell’accessibilità hanno iniziato a riflettere in maniera più articolata anche sulle comunità in generale. Questo libro, a partire da una serie di esperienze reali, offre un supporto alla costruzione di un dialogo proficuo con tutti quei gruppi, portatori di propri valori e abitudini, che dovremmo saper coinvolgere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...