AGGIORNAMENTO

Consigli di lettura: musei e felicita’

Cosa c’entrano i musei con la felicità?
Perché è importante che i musei promuovano il benessere?
E’ corretto che i musei si sentano corresponsabili dello star bene delle comunità intorno a loro?

Oggi, prendendo spunto da un post che abbiamo pubblicato tempo fa su Facebook, parliamo di felicità e benessere.
Ebbene sì, la felicità al museo. Numerose ricerche hanno misurato quanto e come al museo si possa raggiungere uno stato di profondo star bene inteso come “the balance point between an individual’s resource pool and the challenges faced which include psychological, social, and physical aspects” (Michelbach, 2013:15).
Non ci credete? Leggete un po’ qui.

1. Fiero! Museums as Happiness Engineers è un articolo di Jane McGonigal, designer di videogiochi e realtà virtuali. Il suo testo, pubblicato dall’American Alliance of Museums, parla di musei del futuro, di giochi, emozioni e soprattutto, soddisfazioni museali.

2. Uno studio della London School of Economics and Political Science ha scoperto che ““visitare i musei è positivamente associato ad alti livelli di benessere”. Commissionato da “The Happy Museum Project” (da leggere soprattutto il loro report del 2013) lo studio nasce dalla consapevolezza che “counting visitor numbers tells us nothing about the quality of their experience. Museums are adept at storytelling, but we wanted the longitudinal or quantitative evidence that might influence policy makers” (Tony Butler, director).

3. Brain Pickings è un blog imperdibile in fatto di consigli di lettura. A questo link, sette libri sull’arte della felicità: per inquadrare il tema in un contesto più ampio, fra filosofi, letterati e nuove provocazioni. Fra le righe, ci troverete anche i musei.

4. Posto che i visitatori possano essere felici, che ne è delle persone che al museo ci lavorano? Un articolo dal blog Solving Task Saturation for Museum Workers, analizza il contesto museale cercando di rispondere alla domanda: “Are Museum Professionals Happy?”

5. Le ricadute di natura sociale del museo rappresentano un tema sempre più discusso nel settore.
Il libro Museum, Health and Well-being analizza le potenzialità di questo luogo, capace di rispondere ai bisogni delle comunità locali, collaborando, insieme ad altri attori, alla realizzazione di interventi strutturati anche nel settore sociale.

Buona lettura!
Se avete altri suggerimenti da condividere, lo spazio dei commenti è sempre aperto.
(L’immagine è tratta dalla mostra The Happy Show di Stefan Sagmeister che si è svolta presso l’Institute of Contemporary Art, Philadelphia)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...